Montagne Russe

Spettacolo non in distribuzione per la stagione 2019/20

di Eric Assous
con Rossella Rapisarda, Antonio Rosti
regia Fabrizio Visconti
scene Marco Muzzolon
costumi Mirella Salvischiani
disegno luci Fabrizio Visconti
musiche originali Marco Pagani
un progetto La Gare
produzione Eccentrici Dadarò
coproduzione Arterie C.I.R.T.

con il sostegno di Regione Lombardia - Progetto NEXT

 

Lo Spettacolo

Un uomo e una donna. Un bar a fine giornata e poi un appartamento. Un copione apparentemente già scritto, eppure, minuto dopo minuto, via via più inaspettato e imprevedibile. Una sfida, un gioco delle parti; ma di quale gioco si sta parlando? E quali carte sono davvero scoperte? Un intreccio di strategie raffinate e crudeli e, allo stesso tempo, un grande vuoto da colmare. Un faccia a faccia da vivere molto da vicino, come spettatori che guardano nella finestra di un dirimpettaio di casa, quasi seduti sul divano di quell’appartamento che non è il proprio, eppure, in qualche modo, potrebbe anche esserlo.

Sceneggiatore, regista e drammaturgo pluripremiato (si ricorda il Premio Molière, nel 2010 e 2015, e il Gran Premio per il Teatro dell’Académie Française, nel 2014), Assous è un vero e proprio caso in Francia mentre, in Italia, è ancora relativamente poco rappresentato. Abbiamo raccolto la sfida di portare in scena uno dei testi più rappresentativi del grande autore francese, proponendoci di contribuire alla scoperta di un talento letterario tra i più importanti oggi viventi.